Correzioni statiche delle paralisi facciali

Includono le procedure chirurgiche volte alla simmetrizzazione del volto in condizioni di assenza di movimento. In sintesi, rende più armonico l’aspetto estetico con un miglioramento anche funzionale sulla contenzione labiale e sulla protezione oculare, senza il ripristino del movimento dell’area trattata. Si tratta di interventi più leggeri rispetto alle correzioni dinamiche che spesso danno comunque un’ottima soddisfazione ai pazienti. Le procedure sono numerose ma, sono tutti rivolti alla sospensione o riduzione dei tessuti molli “cascanti” sotto l’effetto della forza di gravità per la perdita dell’attività muscolare.
Per le palpebre grande attenzione deve essere osservata per la protezione dell’occhio perché nelle paralisi facciali rimane esposto ai traumatismi e all’aria con conseguenti  cheratocongiuntiviti ricorrenti che oltre ad essere fastidiose compromettono la vista. La ptosi del sopracciglio provoca una riduzione del campo visivo e può anch’essa  essere corretta con una sospensione (vedi Chirurgia Orbito-Palpebrale).