Trattamento delle fratture di zigomo e orbita

La frattura dello zigomo è seconda per frequenza nella faccia. Struttura esposta agli urti con stretta vicinanza all’orbita che frequentemente viene coinvolta allo stesso tempo. Le fratture scomposte provocano una deformità del volto e possono provocare anche limitazione ai movimenti della mandibola. La correzione prevede il ripristino della posizione dell’osso fratturato e la stabilizzazione con piccole placche e viti in titanio posizionate internamente. Si accede dalla bocca e, a seconda dei casi, con incisioni esterne estetiche.

Il coinvolgimento orbitario prevede il ripristino della forma e del volume della cavità per permettere al bulbo oculare di mantenere la posizione originaria ed evitare difetti di mobilità e di vista con visione doppia. In questo caso si procede ad una ricostruzione delle pareti orbitarie.