Ricostruzione delle cavità orbitarie

Le cavità orbitarie sono dei contenitori ossei posti tra la faccia e la testa. Sono composte da numerose ossa molto sottili. Hanno la funzione di contenzione dei bulbi oculari e dei vari annessi con un importante ruolo di protezione sulle strutture stesse.
Esiti di traumi ed interventi oncologici possono alterarne la forma ed il volume con il conseguente spostamento del bulbo oculare dalla posizione originaria.
Questa condizione provoca un difetto di vista molto fastidioso e spesso incompatibile con l’attività quotidiana che si chiama
diplopia (visione sdoppiata).
Oggi, anche grazie all’applicazione della tecnologia CAD/CAM, è possibile ripristinare la forma ed il volume orbitario riportando il bulbo oculare nella corretta posizione con il recupero dell’estetica e della corretta visione.
Si possono utilizzare differenti materiali ma, ad oggi, sottili griglie di titanio con “modellazione personalizzata” sono la migliore soluzione. Nei casi in cui sia stato perso il bulbo oculare si procede con la predisposizione e il posizionamento di una protesi oculare.