Ricostruzioni nervose

Sono interventi di microchirurgia volti al ripristino della continuità anatomica e funzionale dei nervi periferici. I nervi che più frequentemente richiedono interventi riparativi sono il facciale, linguale e alveolare inferiore. La causa principale di danno a questi nervi è quella traumatica. Questa include anche i danni iatrogeni, cioè quelli conseguenti a trattamenti medico chirurgici. Un danno documentato di questi nervi richiede un trattamento ricostruttivo il più precocemente possibile, per ottenere il miglior risultato possibile. Le tecniche chirurgiche riparative sono principalmente la micro-sutura diretta tra i segmenti lesionati, l’innesto nervoso in caso di perdita di sostanza, la decompressione. La prima si adotta quando i segmenti lesionati si avvicinano senza tensione. La seconda quando c’è stata una perdita di un segmento nervoso che va sostituito con un altro prelevato dal paziente stesso generalmente dai nervi grande auricolare o surale. Questi siti di prelievo vengono utilizzati in quanto il danno residuo da prelievo è molto lieve. E’ necessario puntualizzare che i nervi che devono essere riparati richiedono differenti accessi chirurgici perché il facciale è dentro la parotide, il linguale nel pavimento orale e lingua, l’alveolare inferiore è dentro l’osso mandibolare. E’ molto importante lo studio accurato dei singoli casi per definire il corretto trattamento e una previsione dei tempi di recupero. Un nervo ricostruito richiede mesi prima di riprendere a funzionare e la funzione residua può presentare dei limiti.