Trapianto di capelli

L‘autotrapianto di capelli consiste nel prelevare dalla nuca del paziente un numero sufficiente di capelli per rinfoltire la zona colpita da calvizie o da alopecia. A differenza degli altri, i capelli che crescono sulla nuca non sono soggetti all’azione degli ormoni maschili che ne determinano la caduta. L’autotrapianto dei follicoli da qui prelevati assicura quindi che i capelli reimpiantati non cadano mai più. Ci sono differenti tecniche personalizzabili a seconda delle esigenze. Esistono principalmente due tecniche: FUE e FUT. La prima prevede il prelievo delle singole unità follicolari dalla regione occipitale e temporale che vengono reintrodotte nel sito ricevente come tali, senza necessità di incisioni e suture. La seconda prevede un prelievo chirurgico a losanga in sede temporo-occipitale con una chiusura mediante sutura. Da questo vengono ricavate al microscopio tutte le unità follicolari da impiantare nel sito ricevente. Condizione molto importante per un buon risultato è l’inserimento di un elevato numero di unità follicolari in tempi ridotti. Questo è possibile solamente affidandosi ad un’equipe numerosa e di comprovata esperienza. Gli interventi sono abbastanza lunghi e sono eseguiti in anestesia locale. La sedazione cosciente accompagna la fase iniziale di prelievo. In caso di grosse aree da trattare vengono programmati interventi a più riprese. Quando non è ancora ora per il trapianto si può stimolare la crescita con la mesoterapia o effettuare terapie mediche. La ripresa della piena attività avviene in tempi brevi.